Enter your keyword

COMUNICAZIONE

trait-de-separation
 “Nella comunicazione la cosa più importante è ascoltare ciò che non viene detto.” 
 
                                                                                                         Peter Drucker
communication-gimca

La comunicazione è un elemento di vitale importanza per la creatività: un’idea brillante non può essere realizzata se gli innovatori non riescono a comunicarla ai clienti, interni ed esterni. 

Non si tratta semplicemente di costruire e trasmettere messaggi, ma soprattutto di stabilire una relazione di partecipazione reciproca che implica uno scambio tra tre attori: il mittente, il messaggio e il destinatario.

La prima legge della comunicazione afferma che  “Non si può non comunicare”, ma è altrettanto vero che possiamo migliorare le nostre abilità come comunicatori, diventando consapevoli delle dinamiche che mettiamo in atto nello scambio con gli altri.

I modelli e le tecniche di GIMCA sono il risultato di anni di ricerche e di studi che si basano sull’insegnamento della scuola di Paolo Alto, sulla necessità dell’ascolto attivo e sull’importanza dell’intuito nella comunicazione analogica e della comunicazione non verbale.

Come possiamo esservi utili? 

Attraverso i nostri interventi “su misura” siamo in grado di aiutarvi a:

  • Interagire, perché il ruolo dei responsabili della comunicazione è quello di aiutare il management a chiarire al meglio i risultati specifici che desiderano ottenere:  “Cosa vogliamo che l’interlocutore provi, capisca, e faccia grazie alle nostre azioni di comunicazione? ”
  •  Elaborare un sistema di raccolta delle informazioni tramite l’applicazione di tecniche creative che consentono di:

                facilitare l’espressione profonda e sincera dei bisogni e dei desideri,

                raccogliere idee e contributi dei clienti (interni e esterni),

                lavorare insieme per sviluppare le risposte adeguate.

  • Sensibilizzare i collaboratori sull’importanza della vera comunicazione: né propaganda né demagogia, ma stimolazione di energia collettiva.